La voce di Federsanità

Il coraggio di agire per migliorare l'esistente

Non è stato un anno facile e non serve certo ricordare le tante difficoltà che il Paese si è trovato ad affrontare. Anche per questo abbiamo voluto chiuderlo con un segnale positivo e concreto, il Premio “Il Coraggio di agire” che, per il quarto anno, Federsanità Anci ha assegnato con l’intenzione di dare un segnale su come sia importante individuare e valorizzare quanti, ogni giorno, compiono scelte innovative e, per questo, coraggiose. Ci sono, infatti, amministratori, operatori pubblici, manager che, attraverso il servizio reso alla Pubblica Amministrazione, hanno dimostrato che percorrere la strada della sostenibilità è possibile, garantendo alla cittadinanza la qualità dei servizi erogati e contribuendo, in linea con gli indirizzi nazionali, alla diffusione della cultura della qualità basata sui principi della misurazione, valutazione e miglioramento continuo delle performance.
Quest’anno Federsanità ANCI ha voluto premiare le scelte e le iniziative di chi si è impegnato per migliorare  i servizi di assistenza territoriale in risposta ai crescenti bisogni di salute della popolazione, anche in fase di emergenze come quella del terremoto. Per queste ragioni il nostro plauso è andato in primis a due Regioni, l’Umbria e le Marche, “per le soluzioni che hanno garantito il diritto alla salute a tutti i cittadini, insieme alle Conferenze dei Sindaci, durante l’emergenza terremoto”.  Immediata è stata la risposta dei Servizi sanitari regionali che, insieme alla Conferenza dei Sindaci e alla protezione civile, sono intervenuti con l'allestimento di ambulatori collegati con i migliori centri per consulenze in telemedicina, distribuzione dei farmaci ai pazienti cronici, ricollocamento di pazienti lungodegenti in RSA e case di riposo, perché non venisse meno il diritto alla salute e l'attenzione ai più fragili.
Contestualmente alle due Regioni ferite dal terremoto, Federsanità ANCI ha premiato anche la Regione Veneto, nella persona del Direttore Area Sanità e Sociale Domenico Mantoan per l’impegno e la chiara visione strategica che ha portato la sanità veneta verso l’innovazione e la garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza ai cittadini. Mantoan ha, infatti, guidato i cambiamenti che, negli ultimi anni, hanno portato la sanità veneta ai vertici delle classifiche stilate in molti studi nazionali: migliori performances nello studio del CREA sanità; tra le prime tre regioni per i fondi integrativi per Rbmsalute-Censis; premio Innovazione salute 2016 come migliore gestione dell'intramoenia per il Ministero della Salute.
Per ultimo, ma profondamente al centro della mission della nostra Confederazione, un riconoscimento al Comume di Bari, in particolare all’Assessore Welfare Francesca Bottalico per aver avviato una modalità di offerta di servizi di assistenza domiciliare ecosostenibile e adeguata ai centri storici. E’ stato infatti attivato da un paio di mesi un servizio integrato SAD (Servizio Assistenza Domiciliare) del Comune di Bari insieme all'Assistenza Domiciliare Integrata della ASL di Bari che raggiunge in bicicletta i pazienti a domicilio. Servizio che, soprattutto per i Centri storici, rappresenta una forma innovativa di assistenza ecosostenibile.
Ciascuno di loro, nel ruolo che si trova a svolgere, si è preso la responsabilità di agire per il miglioramento dell’esistente. E crediamo che il loro esempio sia un buon augurio per tutti, perché l’anno che sta per cominciare sia davvero migliore. Buone feste a tutti. Angelo Lino Del Favero
Presidente Federsanità ANCI

 

Comunicati e notizie

17/01/2017

Congresso mondiale di sanità pubblica. Lorenzin: “Si farà a Roma. Un riconoscimento al Ssn

Così il ministro della Salute commentando la notizia che il prossimo congresso promosso dalla World Federation of Public Health Association si svolgerà in Italia.

17/01/2017

Dalla mobile health ai farmaci. Dall’Ocse le ricette per renderli sostenibili e accessibili a tutti

In un report l’Organizzazione internazionale rileva come negli ultimi anni le ‘novità’ tecnologiche in sanità stanno facendo passi da gigante ma al contempo rappresentano una sfida per i sistemi sanitari, a partire dalla sostenibilità economica. Ecco le ricette per non farsi travolgere. 

13/01/2017

Firmato il Dpcm sui nuovi Lea. L’annuncio su twitter

"Un passaggio storico per la sanità italiana", così il ministro della Salute ieri sera su twitter. Il provvedimento definisce attività, servizi e prestazioni garantite ai cittadini dal Ssn; descrive con maggiore dettaglio e precisione prestazioni e attvità oggi già incluse nei Lea; ridefinisce e aggiorna gli elenchi delle malattie rare e delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione; innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza protesica.

 

12/01/2017

Responsabilità professionale e sicurezza delle cure. Anche il Senato approva il ddl Gelli

Palazzo Madama ha approvato il provvedimento. Molte le modifiche apportate dalla commissione Sanità rispetto al testo approvato dalla Camera un anno fa: dal nuovo procedimento di elaborazione delle linee guida alla cartella clinica entro 7 giorni, e ancora dalla nuova responsabilità penale fino all'obbligo di assicurazione e all'istituzione di un Fondo rischi per il risarcimento sinistri.

 

10/01/2017

Donazione organi: Umbria, i risultati del progetto "Una scelta in Comune"

L’Umbria con 65 Comuni in cui i cittadini, al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità, possono manifestare una dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti, si conferma come una regione all’insegna della solidarietà: il dato è emerso stamani a Perugia nel corso di una conferenza stampa organizzata dall’Assessorato regionale alla Coesione sociale, salute e Welfare, con l’obiettivo di illustrare, alla presenza dell’assessore Luca Barberini, i risultati del progetto “Una Scelta in Comune”.

tutte le news »

 

PENSARE LA SANITÀ

HIV: FEDERSANITA’ ANCI PRESENTA IL LIBRO BIANCO PER UNA MAGGIORE EFFICIENZA NELLA PREVENZIONE E GESTIONE DELLA PATOLOGIA

A Roma, presso l’Istituto Superiore di Sanità, i risultati del lavoro svolto dall’Atelier FedersanitaÌ ANCI in collaborazione con la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) che ha approfondito il tema dei modelli organizzativi che si sono sviluppati nel nostro SSN per quanto riguarda il trattamento dell’HIV

Vaccinazioni negli adulti. Come aumentare la copertura e facilitare l'accesso. Il report di Federsanità

Lo studio, condotto da un Tavolo di Lavoro Federsanità Anci, con un focus particolare sulla vaccinazione antipneumococcica, individua le linee strategiche per sensibilizzare la popolazione over 65. Necessarie una comunicazione efficace che veda il coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti: Comuni/Conferenza dei Sindaci, ASL/Dipartimenti di Prevenzione e MMG. Fondamentale la capacità di comunicare i rischi a cui si va incontro non vaccinandosi

 

APPROFONDIMENTI

Scenari d’uso e potenzialità delle tecnologie digitali

Il Video realizzato da Federsanità ANCI

continua »