La voce di Federsanità

I tavoli di lavoro della Rete nazionale grandi ospedali per integrazione e appropriatezza

Raccogliere le istanze specifiche dei grandi ospedali e di quelli ad alta specializzazione in quanto strutture articolate e difficili da gestire a causa dell'elevato grado di complessità, superiore a quello di molte grandi imprese private.
Con questo obiettivo Federsanità ANCI ha deciso di attivare il network “Rete nazionale dei grandi ospedali” per mettere sul tavolo del confronto attivo diversi temi come quello dei modelli di finanziamento, gli investimenti, la ricerca, la mobilità trasfrontaliera.
Siamo ormai giunti al terzo incontro e, dopo un dibattito serrato sui bisogni, si è giunti alla definizione di alcune priorità: esigenza di finanziamenti adeguati per investire in tecnologie e nell’adeguamento delle infrastrutture;  urgenza di ridurre le diseconomie di scala e trovare soluzioni per gestire i rapporti col territorio. Questi sono solo alcuni esempi; le parole chiave sono integrazione e appropriatezza poiché la domanda di assistenza a bassa intensità deve essere intercettata dal territorio e non dal grande ospedale. 
La mission quindi del network è quella di avviare una rappresentanza con le Istituzioni al fine di supportare con studi specifici i decisori istituzionali allo sviluppo di politiche adeguate. Sette i tavoli di lavoro su cui opereranno insieme le reti di Federsanità ANCI e FIASO: mission dei grandi hub Ospedalieri, organizzazione delle reti e risposte del territorio; modelli di finanziamento dei grandi ospedali e dell’alta complessità; investimenti infrastrutturali, tecnologie sanitarie, informatiche; ricerca clinica; spending review e setting aziendali; mobilità transfrontaliera e coordinamento e valutazioni qualitative delle reti di offerta; ruoli e retribuzioni degli specialisti.
Centrale nella discussione è il tema della mobilità transfrontaliera, a seguito del decreto legislativo che recepisce la direttiva 2011/24/UE. L'Italia è in forte ritardo e il grande problema è rappresentato dalla mancanza di comunicazione efficace e, quindi, dalla “fuga” di pazienti italiani verso paesi da tempo abituati ad accogliere nostri concittadini con patologie particolari. La grande opportunità, invece, è rappresentata dalle attività di eccellenza riconosciuta al livello mondiale al nostro SSN e praticata in molte Aziende ospedaliere italiane, che potrebbero essere meta di tanti cittadini dell’Unione Europea, e non solo. E questo con il vantaggio di unire alle cure adeguate il soggiorno in uno dei Paesi più accoglienti del mondo. Angelo Lino Del Favero
Presidente Nazionale
Federsanità ANCI

 

Comunicati e notizie

23/04/2014

Archivio unico centralizzato e cartelle cliniche on demand

La ASL di Sassari ha un nuovo Archivio Unico Centralizzato. Dopo un anno e mezzo di raccolta e catalogazione, la documentazione amministrativa e sanitaria prodotta dal 1972 al 2012 da ospedali, ambulatori e strutture amministrative dell'Azienda Sanitaria Locale è stata trasferita a San Giovanni nell'ex Consorzio Agrario, un edificio ristrutturato e dotato di tutte le misure antincendio e di sicurezza previste dalla normativa

18/04/2014

ASP Enna: Pneumologia e Prevenzione BPCO

La BPCO (Broncopneumopatia Cronica ostruttiva) sarà la terza causa di morte nel mondo e anche in Italia nei prossimi anni. Occorre, quindi, mettere in atto politiche di prevenzione che vadano verso una diagnosi quanto più precoce

18/04/2014

Istituto Ortopedico Gaetano Pini: gruppo di studio sulla Sindrome di Sjogren

La Sindrome di Sjögren è una malattia notevolmente invalidante e costituisce una patologia reumatica per la quale appare fondamentale avere un approccio clinico multidisciplinare. Infatti, data la non elevata presenza della malattia nella popolazione generale, il paziente che ne è affetto trova spesso difficoltà a individuare i centri medici specializzati

18/04/2014

Il monitoraggio remoto per un cuore sempre sotto controllo

Sono oltre 350 i pazienti con scompenso cardiaco seguiti dall’équipe di Cardiologia dell’ospedale San Valentino di Montebelluna, diretta dal dottor Gianfilippo Neri in collaborazione con il dottor Diego Vaccari e la dottoressa Sabina Vittadello, che usufruiscono dell’innovativo sistema di monitoraggio remoto che consente ai medici della cardiologia di Montebelluna il monitoraggio continuo

17/04/2014

La Asl Napoli 1 apre uno sportello per curare la violenza

Si chiama «Oltre la violenza» (O.L.V.) ed è rivolto agli uomini responsabili di violenze di genere: è un nuovo sportello della Asl Napoli 1, primo nel suo genere in Campania, tra i primi nel Sud Italia nell'ambito della sanità pubblica, che offre un servizio gratuito di sostegno agli uomini che hanno commesso o potrebbero commettere violenze.

tutte le news »

 

PENSARE LA SANITÀ

Decreto 'Fare' pubblicato in G.U.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.144 del 21-6-2013 – Suppl. Ordinario n. 50 il Decreto legge 21 giugno 2013 n. 69, recante “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, meglio conosciuto come il c.d. Decreto Fare.Il provvedimento entra in vigore dal 22 giugno 2013.

 

FEDERSANITÀ SERVIZI

Partner istituzionali e privati

Federsanità ha costituito Federsanità Servizi, una propria “struttura operativa” che ha l’obiettivo di rafforzare il ruolo della Federazione sul territorio offrendo servizi per gli associati con lo scopo di replicare buone pratiche tese all'efficientamento delle strutture sanitarie e socio sanitarie con una particolare attenzione alla riduzione della spesa corrente.

 

APPROFONDIMENTI

Ricognizione delle azioni programmate per la non autosufficienza

Federsanità ANCI, con il supporto di Assobiomedica, ha condotto un’indagine relativa alle azioni programmate dalle Pubbliche Amministrazioni nel campo della non autosufficienza, prendendo come riferimento il periodo ritenuto più interessante a questo scopo ovvero quello tra il 2007 e il 2010, gli anni in cui è stato attivo il Fondo Nazionale per la Non Autosufficienza.

continua »