La voce di Federsanità

Assemblea Nazionale Federsanità ANCI - Lectio Magistralis "Il Welfare di Comunità" - Giuseppe Guzzetti Fondazione Cariplo

I moderni sistemi di welfare, in particolare quello italiano, faticano a rispondere in modo adeguato ai cambiamenti della società e a comprendere i relativi bisogni, sempre più multiproblematici e complessi. La crisi economico-finanziaria, inoltre, ha acuito la vulnerabilità delle fasce più deboli della popolazione, generando un impoverimento materiale e di prospettive: basta pensare al fenomeno delle nuove povertà, alla difficile condizione dei bambini, dei giovani, delle donne e degli anziani.
 
Questi i temi della Lectio Magistralis tenuta da Giuseppe Guzzetti, Presidente di Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria, e della Fondazione Cariplo, dal titolo “Il Welfare di Comunità”, nell’ambito di un incongtro a Roma promosso da Federsanità ANCI in collaborazione con Ifel, Cittalia e Centro di Documentazione e Studi dei Comuni.
 
“La riprogettazione del sistema italiano di welfare – ha detto Guzzetti - è un’impresa sempre più necessaria. Non solo per ragioni di costo, stante la difficile situazione del bilancio pubblico del nostro paese, ma soprattutto per rendere il sistema italiano dei servizi sociali più capace di affrontare le nuove sfide che si presentano al paese, per tornare a pensare il welfare come un fattore propulsivo del nostro sistema economico e sociale e non come una “zavorra”, un ostacolo per lo sviluppo”.
 
“Un buon sistema di welfare, invece, favorisce la coesione sociale e questa è la precondizione per una crescita autentica e duratura. I termini della sfida sono ormai chiari. I rischi sociali a cui il sistema di welfare tentano di rispondere – ha aggiunto Guzzetti - sono molto cambiati negli ultimi vent’anni: l’invecchiamento della popolazione, la caduta della natalità, la crescita (seppure ancora insufficiente) della partecipazione femminile al mercato del lavoro, l’impatto della globalizzazione sul mercato del lavoro, la forte immigrazione e altro ancora, sono tutti fattori che hanno contribuito a cambiare le condizioni di rischio sociale”.
 
Per Guzzetti, bisogna sperimentare nuove modalità di intervento che contribuiscano alla realizzazione di un “welfare di comunità”, un modello di politica sociale che garantisca maggiore soggettività e protagonismo alla società civile, aiutandola nella realizzazione di un percorso di auto-organizzazione e di autodeterminazione fondato sui valori comunitari della solidarietà, della coesione sociale e del bene comune.
 
“Il tema del ripensamento del welfare – ha detto Guzzetti - è un tema molto caro alle Fondazioni di origine bancaria e a Fondazione Cariplo, in particolare. Dal 2004 infatti Fondazione Cariplo ha dato il via a un programma ambizioso che specificatamente per il per il welfare di comunità e l’innovazione sociale negli ultimi tre anni ha messo a disposizione 30 milioni di euro, con l’obiettivo di sostenere sistemi territoriali pubblico/privati che hanno lavorato su percorsi di riprogettazione e di adeguamento delle risposte ai bisogni della comunità. Tale approccio passa attraverso l’innovazione dei servizi, il ripensamento della spesa sociale attuale e la capacità di ricomporre risorse pubbliche e private, la mobilitazione della società civile che partecipa e investe sui valori della solidarietà, della reciprocità e del bene comune”.
 
I lavori sono stati coordinati da Lucio Alessio D’Ubaldo, Segretario Generale di Federsanità ANCI, che ha sottolineato come  “la titolarità delle risposte ai bisogni sociali della popolazione e lo sviluppo dei servizi alla persona sono demandati agli enti locali primi interlocutori sul territorio. Bisogna partire da qui per favorire un rinnovamento del welfare locale che si realizzi attraverso  l’innovazione di servizi, dei processi e dei modelli, potenziando i sistemi di governance territoriale”.
 
“Proprio in relazione alla governante – ha detto D’Ubaldo - i sistemi territoriali, valorizzando ove possibile la programmazione territoriale già attivata, dovrebbero intraprendere azioni volte a realizzare nuove forme di alleanza pubblico/privato (profit e non profit), arricchendo il sistema di programmazione territoriale di attori “non convenzionali” del cosiddetto “secondo welfare” (aziende, associazioni di categoria, fondazioni private e di comunità, ecc..) e riorientare l’utilizzo delle risorse, evitando dispersioni e sprechi”.



Per approfondire e vedere il video della Lectio clicca qui

 

Comunicati e notizie

17/05/2017

Decreto nomina dirigenti Asl. Parere favorevole senza condizioni e osservazioni dalla Commissione Affari sociali

Approvata la proposta di parere della relatrice Miotto (Pd). Promossa la pubblicazione dell'elenco dei soggetti idonei per gli incarichi di direttore generale secondo l'ordine alfabetico dei candidati e senza l'indicazione del punteggio conseguito, in modo da non configurarsi come una graduatoria e interferire con l'autonomia regionale; così come il riconoscimento di un punteggio maggiore per l'esperienza maturata rispetto ai titoli formativi

 

17/05/2017

Case delle Salute. Parte il piano della Regione: i centri saranno 66

Il provvedimento che stanzia la prima tranche di 4 milioni di euro da destinare alla partenza delle attività sarà approvato nei prossimi giorni. L’investimento complessivo per quanto riguarda il 2017 è di 13,3 milioni di euro, 8 milioni messi a disposizione dalla Regione, il resto a carico delle Asl. I 66 progetti finanziati includono 32 nuove realizzazioni e 34 potenziamenti di realtà esistenti.

 

17/05/2017

Federsanità-Anci Sicilia e la comunità di San Patrignano: impegno comune

Anche quest’anno il progetto “wefree” per la sensibilizzazione dei giovani contro le dipendenze

11/05/2017

Medici nel futuro farmaci equivalenti-biosimilari qualita'. Efficacia e sostenibilita'

I farmaci equivalenti sono largamente sotto-utilizzati: nel 2013 hanno rappresentato il 19% del mercato farmaceutico totale in consumi (media Ocse 48%) e l'11% della spesa (media Ocse 24%)

10/05/2017

Proposta assicurativa

Responsabilità civile professionale colpa grave del medico ospedaliero e altro personale sanitario non medico

tutte le news »

 

PENSARE LA SANITÀ

HIV: FEDERSANITA’ ANCI PRESENTA IL LIBRO BIANCO PER UNA MAGGIORE EFFICIENZA NELLA PREVENZIONE E GESTIONE DELLA PATOLOGIA

A Roma, presso l’Istituto Superiore di Sanità, i risultati del lavoro svolto dall’Atelier FedersanitaÌ ANCI in collaborazione con la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) che ha approfondito il tema dei modelli organizzativi che si sono sviluppati nel nostro SSN per quanto riguarda il trattamento dell’HIV

Vaccinazioni negli adulti. Come aumentare la copertura e facilitare l'accesso. Il report di Federsanità

Lo studio, condotto da un Tavolo di Lavoro Federsanità Anci, con un focus particolare sulla vaccinazione antipneumococcica, individua le linee strategiche per sensibilizzare la popolazione over 65. Necessarie una comunicazione efficace che veda il coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti: Comuni/Conferenza dei Sindaci, ASL/Dipartimenti di Prevenzione e MMG. Fondamentale la capacità di comunicare i rischi a cui si va incontro non vaccinandosi

 

APPROFONDIMENTI

Scenari d’uso e potenzialità delle tecnologie digitali

Il Video realizzato da Federsanità ANCI

continua »