Friuli Venezia Giulia "ADESSO. Salute e Sicurezza", bilancio molto positivo e impegni per proseguire

Pubblicato il:04-04-2017

Dopo un anno di incontri, seminari, percorsi ed eventi, si è concluso all'ospedale di Udine, il progetto regionale di comunità "ADESSO. Salute e Sicurezza" al quale hanno partecipato attivamente 136 Comuni (su 216) di tutta la Regione  che hanno coinvolto enti e associazioni.


Alla presenza di una cinquantina di amministratori locali e tecnici da tutta la Regione, i rappresentanti dei partner del progetto sostenuto dalla Regione e realizzato da ASUIUD, Federsanità ANCI FVG, Rete regionale Città Sane OMS e Università degli Studi di Udine e Trieste, hanno presentato i risultati dei progetti e percorsi realizzati con grande creatività e impegno.


Il coordinatore scientifico del progetto, Gianna Zamaro, dell' Area promozione salute e prevenzione direzione centrale Salute, insieme a Claudia Zuliani, ASUIUD e Laura Pagani, Università degli Studi di Udine hanno evidenziato la notevole crescita di consapevolezza (da aprile 2016 a 31 marzo 2017) su questi temi da parte degli amministratori locali e dei tecnici coinvolti, a partire dall'importanza di investire nella salute.

Dopo i saluti di Francesco Pascolini, presidente di Federfarma FVG, associazione che ha collaborato tramite la distribuzione presso quasi 400 farmacie in tutta la Regione, è intervenuto il presidente della Rete regionale Città Sane OMS, Furio Honsell. Il sindaco di Udine oltre ad apprezzare l'intenso lavoro svolto da tutti i Comuni per i temi della Salute e del Sociale, ha evidenziato la grande creatività e impegno dimostrati con i diversi progetti che - ha dichiarato - costituiscono "buone pratiche di salute". Peraltro, la Rete regionale Città Sane FVG è apprezzata a livello nazionale anche per essere la più numerosa e molto attiva a livello locale. Con il progetto "ADESSO. Salute e Sicurezza" - ha concluso Honsell- è stato realizzato un ulteriore salto di qualità tramite il coordinamento delle decine di iniziative e l'impegno anche per pianificazione e programmazione sovracomunale.



Sulla stessa linea anche il presidente di Federsanità ANCI FVG, Giuseppe Napoli, associazione che da oltre venti anni promuove le strategie e i progetti dell'OMS a livello regionale.  "Per i Comuni del FVG la Salute è una priorità fondamentale - ha dichiarato Napoli - e l'impegno degli amministratori locali, insieme agli esperti e alle associazioni, è stato ulteriormente rafforzato con questo progetto, tramite iniziative validate scientificamente,  multisettoriali e permanenti".



A tal fine nel corso dell'evento, una trentina di amministratori locali hanno siglato il "Patto dei Sindaci del FVG per lo sviluppo di Città Sane, sostenibili ed inclusive" (OMS), in questo modo l'impegno di tutti proseguirà ogni giorno con grandi e piccole iniziative sul territorio tramite il coinvolgimento attivo e la partecipazione attiva dei cittadini.  Per garantire i risultati di salute è infatti fondamentale assicurare continuità ai progetti per la promozione salute da coordinare - ha auspicato il presidente di Federsanità ANCI FVG -  anche con il Piano regionale per l'invecchiamento attivo.


In sintesi, i progetti presentati hanno riguardato: promozione di stili di vita sani, sane abitudini alimentari, sicurezza stradale, attività fisica, mobilità alternativa, contrasto al bullismo, coinvolgimento degli anziani soli, nonché prevenzione dei rischi legati al consumo di alcol e droghe. Per presentare nel dettaglio le "buone pratiche di Salute" sono intervenuti rappresentanti dei Comuni di : Pordenone, Pavia di Udine, Sacile, Campoformido, San Vito al Tagliamento, Tavagnacco, Gradisca d'Isonzo, San Giovanni al Natisone e Casarsa della Delizia.
 


Presenti in sala anche rappresentanti di associazioni  ed esperti, tra cui Diego Serraino, direttore del Registro Tumori FVG (IRCCS CRO Aviano), Roberto Calvani, presidente dell'Ordine degli Psicologi FVG, la psicologa Donatella Basso ("Camminamenti"),  Giuliano Gemo, presidente Comitato "Unesco Cities Marathon", Guido De Michielis, coordinatore regionale del CAPLA FVG  e alcuni operatori dell'Azienda Servizi alla Persona Umberto I di Pordenone ( che ha partecipato al progetto "Sano con gusto").