Scuola e vaccinazione obbligatoria: vademecum in ogni regione

Pubblicato il:13-09-2017

Continua il percorso informativo di Regioni.it sulle indicazioni fornite dalle Regioni per la vaccinazione obbligatoria nelle scuole.

In Liguria sono state inviate a casa 58mila lettere delle ASL alle famiglie e ai genitori di bambini fino a sei anni con l’attestazione dello “stato vaccinale” dei minori: “basterà consegnare la lettera all’asilo nido o alla scuola materna perché l’anno scolastico possa iniziare regolarmente”.

Con l’invio delle lettere alle famiglie dei bimbi fino a sei anni “abbiamo raggiunto un risultato di grande semplificazione – afferma il vicepresidente Viale - rispetto alle farraginose procedure previste dalla legge sull’obbligo vaccinale: questo è stato possibile grazie al grande sforzo organizzativo compiuto dai collaboratori delle nostre ASL, che ringrazio per l’impegno e la dedizione dimostrate”. “È importante ricordare – aggiunge il vicepresidente Viale - che, qualora per svariati motivi alcune di queste lettere non giungano a destinazione in tempo utile, le famiglie potranno rivolgersi alle ASL, inviando una mail oppure recandosi presso gli sportelli che sono aperti tutti i giorni dalle 9 del mattino proprio per sopperire a questo eventuale inconveniente: il certificato vaccinale verrà spedito via mail o consegnato direttamente ai genitori, così da consentire a tutti i bimbi di iniziare serenamente la loro "avventura" scolastica”.

In Calabria per il “Rilascio certificazioni per obbligo vaccinale” è stata fatta un’Intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale: “Ciascun Asp – è scritto nel Protocollo d'Intesa – procederà alla verifica della situazione vaccinale di ogni iscritto e si attiverà in via prioritaria, per i bambini di fascia di età 0-6 anni, contattando le famiglie di coloro che risulteranno non in regola, al fine della loro regolarizzazione ai sensi della Circolare n. 25233 del 16/08/2017 del Ministero della Salute”.

Alla fine di questo percorso Le Asp comunicheranno alle strutture scolastiche ed educative interessate i nominativi dei bambini non in regola, per le successive determinazioni del caso.

Nel sito della regione Toscana si spiega che per il rilascio della documentazione attestante le avvenute vaccinazioni/l'omissione definitiva o il differimento temporaneo per particolari condizioni cliniche/l'esonero per malattia pregressa, è possibile rivolgersi all'Azienda USL di competenza o al pediatra di famiglia anche nel caso in cui lo stesso non effettui direttamente le vaccinazioni, presentando il libretto delle vaccinazioni. L'azienda USL o il pediatra di famiglia rilasceranno un'attestazione contenente le informazioni previste, in relazione alle diverse situazioni.

Invece per coloro che decidono di presentare l'autocertificazione - resa ai sensi del DPR 28/12/2000 n. 445 - che attesti la regolarità delle vaccinazioni eseguite ai minori da 0 a 16 anni possono utilizzare il modulo apposito. L'autocertificazione può essere presentata direttamente alla scuola/istituto, o inviata per via telematica agli indirizzi mail, quando esistenti, reperibili sul sito dell'istituto stesso.

Anche nel sito della regione Molise è possibile avere informazioni a riguardo:
http://www.asrem.org/campagna_vaccinale/vaccinazioni_obbligo_scolastico/files/guida_vaccini_obbligo_scolastico.pdf.
Nella regione Lazio è prevista l’autocertificazione. E’ stata data l’indicazione di potenziare i servizi offerti, “implementando l’attuale organico con tutti i medici fiscali, che si rendono disponibili” dopo il passaggio di competenze all’Inps. Sono aumentate le ore dei call center e dei servizi dedicati di ogni azienda sanitaria di almeno 12 ore dando priorità alla fascia di età 0-6 anni che ha circa 21 mila bambini ancora da vaccinare su un totale di circa 300 mila.

Nel Lazio sarà sufficiente un’autocertificazione: “Le famiglie potranno quindi sottoscrivere un’autocertificazione con la quale dichiarano di essere in regola con la normativa vigente o manifestano la volontà di mettersi in regola secondo i tempi previsti dalla legge. Il modulo per l’autocertificazione sarà scaricabile da domani sul sito www.regione.lazio.it/vaccini. Inoltre, oggi è stato sottoscritto un Protocollo tra la Regione Lazio e l’Ufficio scolastico regionale per regolare le modalità di rilascio delle certificazioni. Le scuole invieranno alle Asl l’elenco degli iscritti e le Asl invieranno alle scuole le certificazioni, semplificando così la vita delle famiglie”.

Lo stesso in Campania, dove è prevista una campagna di sensibilizzazione e una procedura semplificata per accompagnare 400mila famiglie alla vaccinazione in vista del nuovo anno scolastico.

Infine in Sicilia è previsto un percorso comune per far fronte all'obbligo vaccinazioni tra Asp siciliane e l’Ufficio scolastico regionale.

E' stato stabilito che l'Ufficio scolastico regionale invierà una circolare che invita i dirigenti scolastici degli istituti siciliani di ogni ordine e grado a inoltrare a tutte le Asp dell'Isola entro il 5 settembre, tramite documento informatico concordato, gli elenchi degli studenti iscritti in tutte le scuole. Nelle liste saranno presenti nomi e cognomi, codice fiscale, data di nascita, residenza, indirizzo degli studenti e recapiti telefonici delle famiglie.
Infine in Abruzzo e Sardegna sono on line le linee guida del Ministero della Salute.


Per maggiori dettagli clicca qui