Federsanità ANCI e Fnomceo insieme contro la violenza agli operatori sanitari

Pubblicato il:21-05-2018

Una campagna di comunicazione congiunta contro la violenza in sanità, nella quale coinvolgere anche le associazioni di cittadini, e un’operazione di monitoraggio sull’efficacia dei sistemi di sicurezza messi a punto dalle aziende sanitarie e ospedaliere: si è parlato ancora una volta di aggressioni agli operatori sanitari, e di come prevenirle, nell’incontro avvenuto questa mattina nella sede della Federazione Nazionale degli ordini dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri, tra il presidente della stessa Fnomceo, Filippo Anelli, e la presidente di Federsanità – Anci, l’organizzazione delle Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere e Conferenze dei Sindaci, Tiziana Frittelli.

“Se la violenza contro i nostri colleghi è ormai un’emergenza di sicurezza pubblica, oltre che di sanità, per combatterla è necessaria una vera e propria ‘task force’, che coinvolga, oltre a medici, infermieri, farmacisti, veterinari, tecnici e tutti i professionisti, e insieme alle Istituzioni nel loro complesso, anche i Direttori Generali delle Asl, degli Ospedali, i Sindaci, e i cittadini” afferma il presidente Fnomceo Filippo Anelli.

Il monitoraggio avverrà attraverso schede che Federsanità - Anci somministrerà alle aziende sanitarie aderenti per rilevare eventuali criticità nei sistemi di sicurezza. Ad oggi, infatti, secondo i dati dell’Osservatorio permanente per la garanzia della sicurezza e per la prevenzione degli episodi di violenza ai danni degli operatori sanitari istituito presso il Ministero della salute, la Legge 81 sulla Sicurezza è applicata a macchia di leopardo sul territorio italaino, con differenze anche importanti tra Asl e Asl.

Dall’incontro è emerso poi l’impegno comune a vedersi con il presidente dell’Anci, l’Associazione nazionale Comuni italiani, Antonio Decaro, per trovare strategie condivise, coinvolgendo i sindaci nella gestione della violenza e nella sicurezza delle sedi.

“Il 28 giugno, a Firenze, terremo l’annuale forum dei direttori generali - dichiara il presidente di Federsanità-Anci, Tiziana Frittelli -. Invitiamo sin d’ora il presidente Anelli a prendervi parte: sarebbe un’occasione per delineare questa strategia comune per una sanità sicura”.

Da parte sua, Anelli ha coinvolto Federsanità – Anci nel percorso che, attraverso una serie di incontri plenari tra tutti gli stakeholders della sanità, condurrà agli Stati Generali della Professione Medica e Odontoiatrica del 2019. L’obiettivo è ambizioso: ridisegnare, tutti insieme, il Sistema Sanitario del prossimo decennio.