Rinnovati gli Organi statutari dopo il Congresso di dicembre

Pubblicato il:07-05-2018

Dopo la nomina di Tiziana Frittelli, Direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma, a Presidente nazionale di Federsanità ANCI, il primo Esecutivo, tenutosi oggi a Roma, ha rinnovato tutti gli Organi statutari e le deleghe operative sui temi.
 
Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo e Presidente di Anci Sicilia, sarà il vice presidente vicario in rappresentanza degli Enti Locali, mentre Giampaolo Zanetta, Direttore Generale della Città della Salute di Torino, sarà il vice presidente vicario in rappresentanza delle Aziende Sanitarie associate.
 
Entrano in Ufficio di Presidenza anche: Luciano Flor (Direttore Generale AO Padova) Francesco De Rebotti (Sindaco di Narni e presidente di ANCI Umbria) e Matteo Biffoni (Sindaco di Prato e Presidente di ANCI Toscana) in qualità di Vice Presidenti Nazionali;  Francesco Lunghi, Sindaco di Monselice in qualità di Coordinatore Nazionale degli EE.LL. e Enrico Desideri, Direttore Generale dell’Azienda Area Vasta sud est Toscana, come Coordinatore Nazionale del Forum Direttori Generali. Infine in qualità di Tesoriere è stato nominato Silvio Falco, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Mauriziano di Torino.
 
La Presidente Frittelli, come da Statuto, ha anche nominato quattro membri esperti che entrano in Esecutivo ovvero Silvio Falco (DG Mauriziano Torino), Giorgio Giulio Santonocito (Dg ARNAS Garibaldi di Catania) Angelo Flaiani (Sindaco di Folignano) e Antonio Paris (Consigliere del Comune di Capena).
 
Tra le novità la nomina dei Componenti esterni ai Forum dei Direttori Generali e degli EE.LL. che saranno Federico Spandonaro di CREA Sanità, Federico Lega dell’Università Bocconi e Amerigo Cicchetti dell’Università Cattolica A.Gemelli e venti deleghe operative sui temi.
 
“È compito delle Aziende e dei Comuni rimettere al centro la salute come equilibrio della persona ed è un percorso culturale – ha sottolineato Tiziana Frittelli – che va affrontato coinvolgendo tutti i soggetti, istituzionali e non, che operano sul territorio. Per la gestione delle cronicità le Aziende sanitarie, infatti, devono promuovere salute in sinergia, primi fra tutti, con gli Enti locali, che sono i soggetti istituzionali più vicini agli utenti dei servizi sanitari. Fin dalla sua fondazione Federsanità ANCI lavora sull'intuizione che i servizi territoriali siano di fondamentale supporto alla sanità pubblica, poiché evitano una sanità a due velocità: efficace nelle strutture ospedaliere e poco presente durante la riabilitazione e nel sostegno del paziente deospedalizzato. Federsanità ANCI è, per questo la sede, dove riprogettare l’organizzazione sanitaria mettendo al centro la cura delle cronicità, la prossimità di cura, la sostenibilità del sistema, la facilità e l’equità nell’accesso, la qualità delle cure in un sistema universalistico da tutelare e migliorare”.

Il nuovo Organigramma