Area REACH

Questa area, dedicata al Regolamento (CE) n.1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio approvato il 18 dicembre 2006, denominato “Regolamento REACH" (acronimo di "Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals"), è finalizzata alla diffusione delle conoscenze sulla normativa europea in materia di sostanze chimiche, allo scopo di favorire il raggiungimento di un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente.

Il Regolamento REACH prevede la registrazione di tutte le sostanze prodotte e importante nell’Unione europea, oltre a fornire maggiori garanzie di sicurezza al consumatore, promuove la sostituzione delle sostanze maggiormente pericolose, mantiene e rafforza la competitività e l’innovazione dell’industria, promuove lo sviluppo di metodi alternativi a quelli che richiedono l’utilizzo di animali vertebrati per la valutazione del percolo delle sostanze

Il REACH ha istituito un’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA), con sede ad Helsinki. L’Agenzia svolge un ruolo di coordinamento tecnico-scientifico delle attività previste dalle nuove normative sulle sostanze chimiche.
Parallelamente è stato emanato il Regolamento (CE) n. 1272/2008 Regolamento CLP dall’acronimo di Classification, Labelling and Packaging relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele entrato in vigore il 20 gennaio 2009 che si propone di armonizzare nell’Unione Europea le informazioni sui pericoli e sulla tossicità associata ai prodotti chimici.

L’attuazione degli adempimenti previsti dal Regolamento REACH è assicurata in Italia da diverse Amministrazioni Pubbliche

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha il compito di promuovere iniziative per facilitare l’accesso dei cittadini alle informazioni sulle sostanze chimiche, al fine di tutelare la loro salute e l’ambiente. Nel corso degli ultimi anni, sono stati realizzati diversi strumenti di diffusione delle informazioni: